All’inizio di marzo 2015 ho frequentato un corso di trading a New York, tenuto da Andrea Unger, 4 volte campione della Coppa del Mondo di Trading.

All’epoca la mia fidanzata ha detto “perché non registri l’evento, così poi potrai rivenderlo online?” Buona idea! Ho parlato con Andrea e ho detto che preferiva farlo più tardi, dato che la qualità delle registrazioni in questo tipo di eventi (in una sala riunioni) è solitamente piuttosto bassa.

Così a giugno ho iniziato a scoprire il marketing (non ne sapevo nulla prima) inciampando prima su Claire Jarrett e poi su Chris Luck. Hanno parlato dei membership site come un modo per guadagnare reddito passivo … Quindi ho pensato “perché non insegnare a fare trading online?” È qualcosa che conosco bene, ho già avuto successo, e credo che sia insegnabile (ma non facile da fare).

E questo è quello che ho fatto. Ho creato UngerAcademy.it con un collega trader, una scuola di trading online. L’idea era di insegnare ai trader principianti tutti i passaggi per diventare un maestro del trading automatico. Dopo alcune ricerche sapevamo che le persone erano interessate al trading e che esisteva un mercato, ma non sapevamo cosa volevano imparare (pensavamo che volessero imparare quello che volevamo imparare noi quando abbiamo iniziato).

Dopo vari tentativi e business model, a fine settembre abbiamo concordato con Andrea Unger di iniziare i suoi corsi, abbiamo seguito le idee di Ryan Levesque (Deep Dive Survey), abbiamo inviato il questionario alla lista di Andrea, e boom! All’inizio di ottobre abbiamo una lista di oltre 250 interessati. Abbiamo optato per concentrarci solo sugli insegnamenti di Andrea (e altri grandi trader) perché:

  1. hanno già una lista con il proprio sito web
  2. il materiale è di qualità superiore a quello che potremmo fare noi
  3. beh … siamo pigri … in questo modo potremmo concentrarci sul lato marketing e sulla costruzione di un SISTEMA, cioè qualcosa che funziona in modo semi-automatico con molti meno sforzi da parte nostra. (Questo è anche il motivo per cui preferisco i Trading System Automatici: tu cerchi e crei un sistema, e poi passi il tempo più a controllare e fare manutenzione, cioè meno stress a fine giornata)
  4. MA hai profitti più bassi, quindi hai bisogno di più persone che comprino.

Abbiamo dedicato le attività di ottobre al pre-lancio (seguendo la Product Launch Formula di Jeff Walker, in particolare il seed launch + Joint Venture Launch con altri partner).

Il 4 novembre abbiamo lanciato il primo corso online di Andrea Unger attraverso un webinar ricco di valore: 280 iscritti, 140 partecipanti. La cosa interessante è che ho caricato tutte le informazioni sui corsi (alla fine abbiamo deciso di farlo sia in inglese che in italiano a causa di molti italiani e stranieri nella mailing list di Andrea) la settimana prima del lancio, e ho inviato un’email a chi ha partecipato al sondaggio… e 3 hanno acquistato il corso PRIMA del webinar!

Webinar presentato, iscrizioni aperte, replay del webinar visibile per alcuni giorni, poi le iscrizioni sono state chiuse per un paio di mesi.

64 vendite e lista iscritti a circa 580, più di $45.000 di fatturato. UN GRANDE SUCCESSO! Principalmente a causa del fatto che abbiamo usato la lista di Andrea che era super-targettizzata.

Abbiamo anche scoperto che è meglio tracciare tutto ciò che fai per il marketing successivo, quindi inseriamo anche un pixel di Facebook in tutte le pagine del nostro sito.

Ora è il momento di creare tutto il resto del materiale (abbiamo venduto il corso seguendo le risposte del sondaggio, ma senza produrre il materiale del corso prima delle vendite), nel frattempo ci concentriamo sulla strategia di marketing e sul motore della crescita. Vogliamo creare un programma di continuità da vendere attraverso un funnel: front-end di con un lead magnet gratuito + un tripwire economico, quindi programma di continuità + upsell / downsell come back-end.

Cos’ho imparato

  • Occorre concentrarsi su una nicchia targetizzata e dominarla
  • Occorre avere un prodotto di qualità, meglio se in Joint Venture con qualcuno poco esperto di marketing che puoi aiutare
  • Automatizza e Traccia il più possibile, per capire dove si sbaglia (e dove si fa giusto)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.